CNIT guiderà il primo progetto internazionale di standardizzazione di tecniche di Attribute Based Encryption per il Mobile, il Cloud e l’Internet of Things

Sophia Antipolis, FRANCIA. Il CNIT guiderà il primo progetto internazionle di standardizzazione finalizzato ad includere tecniche di Attribute Based Encryption nelle architetture Mobile, Cloud e Internet of Things.

Le tecniche di crittografia tradizionale per la protezione dei dati sono in genere accompagnate da una infrastruttura software che fornisce strumenti per il controllo di accesso. Tuttavia, molte minacce possono compromettere le infrastrutture e la confidenzialità delle informazioni.

Attribute Based Encryption (ABE) è uno schema di crittografia a chiave pubblica che garantisce sia la confidenzialità del dato che il controllo di accesso, affidandosi esclusivamente ad algoritmi matematici, senza la necessità di dover disporre di un apposito software per l’enforcement delle regole di controllo di accesso. ABE è ideale per ambienti non totalmente affidabili, come il Cloud, l’Internet of Things, ed alcuni ambienti Mobile dove l’affidabilità dell’infrastruttura potrebbe non essere garantita.

Promosso dall’Istituto Europeo degli Standard delle Telecomunicazioni (European Telecommunications Standards Institute, ETSI), il progetto fornirà nel primo trimestre 2018 metodi di protezione dati basati sulle primitive crittografiche di ABE che affiancheranno le tradizionali soluzioni di controllo di accesso, dando una effettiva fondazione tecnica a quel diritto alla portabilità del dato incluso nella “General Data Protection Regulation” europea che entrerà effettivamente in vigore dal 2018.

Cos’è il CNIT. Il CNIT è un consorzio no profit di 37 università italiane e contempla sei unità di ricerca appartenenti al CNR e quattro laboratori nazionali. Il CNIT svolge attività di ricerca, innovazione e formazione nell’ICT. Il CNIT ha un budget annuale di circa 23 milioni di euro, con soli introiti da compagnie private e programmi di ricerca e competitività. Vanta inoltre più di 1.300 collaboratori, oltre 100 impiegati ed una notevole reputazione internazionale confermata anche dall’ultima valutazione sulla qualità della ricerca condotta dal MIUR.

Cos’è ETSI. ETSI, l’Istituto Europeo degli Standard delle Telecomunicazioni, sviluppa standard mondiali per tecnologie ICT, ed opera nel campo del fisso, mobile, radio, roadcast, Internet e tecnologie convergenti. Gli standard ETSI promuovono tecnologie su cui la società ed il mercato possono realmente contare. Ad esempio, gli standard ETSI per GSM ™, DECT ™, Smart Cards e firme elettroniche hanno contribuito a rivoluzionare la vita moderna in tutto il mondo.

Share this Post: