INTERNET DI NUOVA GENERAZIONE E 5G: CNIT premiato alla 3° edizione della FED4FIRE+ ENGINEERING INTERNATIONAL CONFERENCE di Parigi come migliore dimostrazione di un prototipo innovativo per reti e servizi 5G

5 novembre 2018|Notizie, Progetti, Riconoscimenti

Nella foto in piedi da sinistra: Barbara Martini, Molka Gharboui, Chiara Contoli, Federica Paganelli.
Nella foto seduto da sinistra: Gianluca Davoli, Walter Cerroni

Il CNIT si è aggiudicato il primo premio con una demo del progetto “Latency-aware and self-Adaptive Service cHaining in reliable 5G/SDN/NFV infrastractures (LASH-5G)” coordinato dalla Dott.ssa Barbara Martinidel Laboratorio Nazionale di Reti e Tecnologie Fotoniche di Pisa in occasione della FED4FIRE+ ENGINEERING INTERNATIONAL CONFERENCE di Parigi (https://www.fed4fire.eu/event/fec3/). LASH-5G aveva ottenuto un finanziamento durante “1st Fed4FIRE+ Competitive Call – Innovative Experiments” del progetto Fed4FIRE+ (https://www.fed4fire.eu/the-project/) per svolgere esperimenti sulla fornitura adattativa e affidabile di servizi di prossima generazione (ad esempio industria 4.0, veicoli autonomi). Tali servizi richiederanno stringenti requisiti di latenza e dovranno adattarsi a contesti molto più dinamici usando risorse condivise con altri servizi in virtù di una infrastruttura generalizzata e unificata che comprende sia capacità di processamento, di immagazzinamento e di rete. L’esperimento LASH-5G effettuato su piattaforma Fed4FIRE+ ha dimostrato la fornitura dinamica di catene di servizi specifici per un’applicazione garantendo al tempo stesso la minima latenza, sia in termini di tempo necessario ai dati per attraversare la catena dei servizi (latenza di rete) che per essere processati dai servizi (latenza di processamento). Inoltre, ha dimostrato l’adattamento di tale servizi al fine di garantire prestazioni prefissate all’utente sia in termini di cammini di rete seguiti dai dati al fine di incrementare l’affidabilità. L’esperimento LASH-5G è stato possibile grazie alla collaborazione di 3 unità CNIT: Lab. Naz. di Reti e Tecnologie Fotoniche di Pisa (B. Martini e G. Gharbaoui), UdR Univ. di Bologna (W. Cerroni, C. Contoli, G. Davoli) e UdR Univ. di Firenze (F. Paganelli, P.Cappanera, G. Cuffaro).

 

Share this Post: